Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Il melodramma cinematografico

Il melodramma cinematografico
titolo Il melodramma cinematografico
sottotitolo Campioni di fantasia tragica
autore
argomento Scienze dell’antichità, filologico letterarie e storico artistiche Connessioni
editore Pisa University Press
formato Libro
pagine 160
pubblicazione 03/2017
ISBN 9788867417377
 

Abstract

Questo libro è un itinerario attraverso il melodramma cinematografico, che si nutre di emozioni e sentimenti, cioè di vicende essenzialmente intime e private, ma è capace di assorbire il senso e lo spirito dei tempi, di mutamenti antropologici, economici, politici e sociali. Il melodramma viene da lontano, i suoi elementi si sono codificati e precisati molto prima della comparsa della settima arte. Grazie a queste fitte e profonde radici, espr...
12,00
 
Spedito in 1 giorno lavorativo

Disponibile anche nel formato

Questo libro è un itinerario attraverso il melodramma cinematografico, che si nutre di emozioni e sentimenti, cioè di vicende essenzialmente intime e private, ma è capace di assorbire il senso e lo spirito dei tempi, di mutamenti antropologici, economici, politici e sociali. Il melodramma viene da lontano, i suoi elementi si sono codificati e precisati molto prima della comparsa della settima arte. Grazie a queste fitte e profonde radici, espressive, mitologiche, stilistiche e teoriche, è una delle migliori chiavi di lettura – e un eccellente veicolo di conoscenza – della storia del cinema, anche in rapporto alle metamorfosi della rappresentazione. Nell’introduzione viene descritto il percorso del melodramma, dal Cinquecento ai nostri giorni, dal palcoscenico al grande schermo. Nel primo capitolo è illustrato, in ordine cronologico, lo sviluppo del melodramma nel inema, elencando e analizzando molti titoli significativi, dal periodo muto alla contemporaneità. Il secondo capitolo si concentra su dodici film importanti, dal 1939 al 2015: Via col vento di Fleming, Pandora di Lewin, Casco d’oro di Becker, Senso di Visconti, Secondo amore di Sirk, Le lacrime amare di Petra von Kant di Fassbinder, L’ultimo imperatore di Bertolucci, Le onde del destino di von Trier, In the Mood for Love di Kar-wai, I segreti di Brokeback Mountain di Lee, La migliore offerta di Tornatore, Carol di Haynes.

 

Biografia dell'autore

Stefano Socci

Stefano Socci, critico cinematografico e saggista, è stato docente di Storia dello spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Brera; attualmente insegna Regia e Storia del cinema e del video all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha tenuto corsi e conferenze per atenei statunitensi, partecipa regolarmente a convegni e festival, ha collaborato a quotidiani, ha pubblicato interviste, recensioni e numerosi saggi su riviste specializzate, interessandosi anche alla  pittura. Questi i volumi pubblicati: Hans Jürgen Syberberg, 1990. Fritz Lang,1995, 2005 (2013: pubbl. digitale). Bernardo Bertolucci, 1996, 2003, 2008 (2013: pubbl. digitale). Miti ed eroi nel cinema, 2001. Il cinema e la Bibbia (a cura di), 2001. L’ombra scura della religione (cinema e monoteismi), 2002. Shakespeare fra teatro e cinema, 2009. Il disegno dopo il disegno. Le molte vite di un medium antico (a cura di, con V. Bruni e F. Speroni), 2013.   

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Correlati

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.