Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Presentazione volume "Democede di Crotone"

Dove

Complesso Monumentale Santo Spirito- Lungotevere in Sassia 3 Roma

Quando

martedì 22 novembre 2016
dalle 16.30 alle 18.30
Martedì 22 novembre 2016 - ore 16:30 Accademia di Storia dell'Arte Sanitaria, Roma Presentazione del volume: Democede di Crotone e Udjahorresnet di Saïs Medici primari alla corte achemenide di Dario il Grande di Francesco Lopez - Pisa University

Martedì 22 novembre 2016 - ore 16:30

Accademia di Storia dell'Arte Sanitaria, Roma

Complesso Monumentale Santo Spirito

Lungotevere in Sassia, 3, Sala Alessandrina

Presentazione del volume:

Democede di Crotone e Udjahorresnet di Saïs
Medici primari alla corte achemenide di Dario il Grande
di Francesco Lopez - Pisa University Press 2016

Partecipano:

Prof. Gianni Iacovelli, Presidente Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria

Prof. Antonella Cosentino, Vicesindaco, Assessore alla Cultura della Città di Crotone

Dott. Roberto Spadea,Direttore emerito Soprinten­denza Archeologica Calabria

Dott. Mario Cappozzo, Antichità Egizie e del Vicino Oriente, Musei Vaticani

Prof. Lorenzo Perilli, Università degli Studi di Tor Vergata, Roma

Dott. Gregorio Aversa,Direttore Museo Archeologico di Crotone

 

Contatti:

A.S.A.S. www.accademiaartesanitaria.it

06 6893051 segreteria.asas@gmail.com

fnc.lopez@tiscali.it - 33
Democede di Crotone e Udjahorresnet di Sais
Medici primari alla corte achemenide di Dario il Grande
Francesco Lopez
Per la prima volta viene proposto lo studio comparato di Democede di Crotone e di Udjahorresnet di Saïs, ‘medici primari’ entrambi attivi nel VI sec. a.C. alla corte achemenide di Dario il Grande. Con sguardo sinottico è ricostruita la figura complessa del sapiente-medico tra Egitto, Persia,  Grecia ed Occidente ellenico. Il potere delle arti per la cura degli ammalati, nell’integrità di corpo e spirito, si realizza non senza rivolgere a più ampio raggio l’attenzione alla tutela del Vivente nella sua interezza. Il volume, strumento utile per riconsiderare la chirurgia delle origini, compresa quella ippocratica, consente di approfondire le relazioni ‘culturali’ tra la medicina dei templi e la medicina ‘razionale’, sia nella tradizione egizia delle Case della Vita che in quella ellenica del Pitagorismo antico e dei santuari di Asclepio. Particolare riguardo è riservato al Naoforo Vaticano, con le prime immagini digitali ed a colori del pilastrino dorsale, anche mediante l’impiego di avanzate tecniche archeometriche. Dei due ‘medici personali’ del re Dario I viene esaminata l’intera storiografia.


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.