Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Statue vestite. Prospettive di ricerca.

Pdf
Statue vestite. Prospettive di ricerca.
Ebook
Social DRM
titolo Statue vestite. Prospettive di ricerca.
autore
editore Pisa University Press
formato Ebook - Pdf
protezione Social DRM

Informazioni sulla protezione

X
pubblicazione 2017
ISBN 9788867418190
 

Abstract

Il volume – esito di un incontro tra studiosi di diversa specializzazione e nazionalità, a conclusione di un prog
21,99

Disponibile anche nel formato

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il volume – esito di un incontro tra studiosi di diversa specializzazione e nazionalità, a conclusione di un progetto di ricerca promosso dall'Università di Pisa – offre una molteplicità di punti di vista sulla realtà del vestire le statue: dall'identità artistica dei manufatti ai loro aspetti devozionali, dalla riflessione antropologica ai modi della loro musealizzazione. Ad uno sguardo privilegiato sulla Toscana nord-occidentale si aggiunge – oltre alla presenza di interventi di più generale contestualizzazione – quello su due aree particolarmente significative per questo fenomeno culturale, quali la Spagna e la Basilicata.

I singoli saggi si devono a Elisa Acanfora, Paola Antonella Andreuccetti, Manuel Arias Martinez, Clara Baracchini, Francesca Barsotti, Isabella Botti, Antonella Capitanio, Marco Collareta, Fabio Dei, Gabriele Donati, Francesca Fabiani,Daria Gastone, Valeria E.Genovese, Antonella Gioli, Sonia Lazzari, Paola Martini,Francesca Pisani, Michele Rak, Paola Refice, Cinzia Maria Sicca, Barbara Sisti, Nicola Zilio.
 

Biografia dell'autore

Antonella Capitanio

Antonella Capitanio, laureata in Lettere presso l’Università di Pisa, specializzatainStoriadell’Artepressol’UniversitàdiFirenze e dottorediricerca in Storia dell'Arte, è professore associatodi Storia dell'arte moderna presso l’Università di Pisa, dove insegna “StoriadelleArtiDecorativeeIndustriali” e “Storiadelleartiapplicateedell'oreficeria”.
Il suo ambito distudio si incentra sulle anticheargenteriemarcatee sullastoriadell’oreficerialiturgica, cui ha  dedicato in particolare i volumi Orafi e marchi lucchesi (1986), Arte orafa e controriforma: la Toscana come crocevia (2001), Arte orafa a Lucca (2010), oltre ad aver collaborato a varie mostre e alla stesura dei cataloghi delle oreficerie sacre del Museo Nazionale del Bargello di Firenze (1990), dei musei diocesanidiCortona(2008) eLivorno(2011) e dei tesori delle cattedrali di Genova (2012) e Aosta (2013).

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.