Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Giamblico- De Anima

Giamblico- De Anima
titolo Giamblico- De Anima
sottotitolo I frammenti, la dottrina
autore
argomenti Scienze dell’antichità, filologico letterarie e storico artistiche > Greco, arabo, latino. Le vie del sapere
editore Pisa University Press
formato Libro
pagine 240
pubblicazione 2013
ISBN 9788867411603
Scrivi un commento per questo prodotto
 

Abstract

Negli ultimi anni l’attenzione...
25,00
 
Spedito in 1 giorno lavorativo
Condividi

Disponibile anche nel formato

Pdf
17,99

Negli ultimi anni l’attenzione degli studiosi verso la figura e l’opera di Giamblico è aumentata e si è dato risalto al suo pensiero nella storia della scuola platonica. Un’opera tuttavia rimane ancora poco studiata: il De Anima. Conservata solo in frammenti nell’antologia di Stobeo, essa si rivela di cruciale importanza per la conoscenza degli sviluppi del platonismo alla fine dell’antichità.

Mentre per Plotino l’anima dell’uomo ha in sé un’innata capacità di vivere la vita stessa del mondo intelligible e la riscoperta nella nostra anima di questa vita intelligibile latente ma reale è il fine della filosofia, per Giamblico e per i platonici che seguiranno le sue dottrine l’anima umana è compresa all’interno del cosmo. Pur essendo una sostanza spirituale e incorruttibile, essa non può elevarsi da sola verso il mondo intelligibile, che rimane al di fuori della sua portata e al quale può giungere solo per l’azione salvifica degli dei, ma non per propria natura. I termini di questo lontano dibattito che appassionò i platonici alla fine dell’antichità ci sono forse estranei, ma le implicazioni per la storia della filosofia sono rilevanti: la descrizione aristotelica dell’anima umana come inevitabilmente legata all’individuo sensibile di cui è l’atto vivificatore entrerà da Giamblico in poi a far parte della dottrina psicologica delle scuole neoplatoniche.

Questo libro offre in primo luogo una ricostruzione accurata della figura di Giamblico, inquadrandola nel contesto storico e culturale che fu il suo, quel IV secolo che fa da spartiacque fra due mondi. Indaga poi il De Anima, di cui studia struttura: viene infatti proposto, con argomentazioni testuali e filosofiche, un riordinamento dei frammenti che presenta sotto una nuova luce la dottrina di Giamblico, mostrandone i nessi non solo con gli scritti più antichi sull’anima, con cui è stato comparato sinora, ma anche e soprattutto con le nuove problematiche sollevate dalla filosofia di Plotino e di Porfirio. Viene fornita inoltre la prima traduzione italiana dell’opera, con testo greco a fronte e una presentazione complessiva della concezione giamblichea dell’anima.

 

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.