Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Lasciare un segno

Pdf
Lasciare un segno
Ebook
Social DRM
titolo Lasciare un segno
autore
editore Pisa University Press Srl
formato Ebook - Pdf
protezione Social DRM

Informazioni sulla protezione

X
pubblicazione 2014
ISBN 9788867413584
 

Abstract

Questa mostra inaugura un nuovo ciclo di rassegne che il Museo della Grafica di Pisa intende dedicare alle recenti donazioni d
8,99

Disponibile anche nel formato

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Questa mostra inaugura un nuovo ciclo di rassegne che il Museo della Grafica di Pisa intende dedicare alle recenti donazioni di opere da parte di artisti che, nella di­versità di generazioni, provenienze e ambiti espressivi, documentano in modo altamente rappresentativo la complessità e varietà delle ricerche nella grafica contemporanea.

Il significato che l’iniziativa riveste è tanto profondo da suggerire il titolo, Lasciare un segno, che sottolinea il valore di un atto di condivisione, par­tecipazione e trasmissione di entusiasmi creativi, e insieme certifica il segno come atto primario e irrinunciabile nel processo di definizione di forme e lin­guaggi. Un appuntamento che tornerà dunque a riproporsi con cadenza ravvicinata e con altre importanti presenze, nazionali e internazionali; e che inizia oggi con alcuni degli artisti che hanno recentemente condiviso con il Museo esperienze e momenti laboratoriali, didattici, espositivi e progettuali. Scorrono, davanti ai nostri occhi, le immagini del mondo incantato, magico o sottosopra di sorprendenti narratori e cantastorie come Antonio Bobò e Paolo Lapi. Ritorna la galleria di volti e affetti di Paolo Ciampini, fissati e moltiplicati nelle delicate trasparenze di strepitosi sogni calcografici, e quella con cui Stefa­no Cipolat rivela una xilografia dalle molteplici varianti emozionali. Scorrono, splendide, le forme e le trame segniche di Vero Pellegrini, le colte e raffinate visioni architettoniche di Adriano Caverzasio, la memoria sapiente di Otello Fabri, la dolce poesia sulla natura di Daniela Giovannetti.
 

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.