Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Saggi e studi

La geografia della vite

di Riccardo Mazzanti

editore: Pisa University Press

pagine: 272

Il tema della geografia della vite e del vino è stato più volte affrontato in passato da valenti geografi, come Mario Pinna (1962), Alessandro Kemal Vlora (1973), Henry Enjalbert (1975 e 1983), Jean Pierre Lozato-Giotart (1976 e segg.), Lucien Tirone (1970, 1975 e 1996), Giuseppe Rocca (1984), Donatella Carboni e Sergio Ginesu (2007), per citarne alcuni, ed ha comunque giocato un ruolo da protagonista negli studi sul paesaggio condotti nell’ambito di questa disciplina: nella quasi totalità dei casi, tuttavia, i contributi scientifici sull’argomento si sono sviluppati mediante un approccio decisamente idiografico e di chiaro taglio regionale; in altre parole sono in genere  riferibili a spazi geografici relativamente limitati, di dimensioni comprese fra l’ambito locale e quello nazionale. L’intento di questo lavoro è invece quello di proporre una descrizione ed un’interpretazione degli aspetti geografici della viticoltura nella sua globalità, sfruttando appunto le conoscenze e le ricerche messe a punto dalle diverse discipline specialistiche (come l’ampelografia, l’epiontologia, l’ecologia, la biologia, la climatologia, l’economia, la merceologia, la storia, eccetera), per giungere ad una visione di sintesi che ne evidenzi il ruolo ecologico, sociale, economico e, in una parola, territoriale. In questo primo volume l’attenzione si concentra in particolare sugli aspetti storici, ecologici e, in una parola, fitogeografici della coltivazione della vite, senza però trascurare quelli strettamente ampelografici relativi alla diffusione dei vitigni in Italia e nel Mondo.    
28,00

Farmtecture the future of the sustainable integrated agriculture/Farmtecture l'avenir de l'agricolture intégrée durable

SUMMER SCHOOL 2014 UNIVERSITY OF PISA: INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT OF WATER RESOURCES

editore: Pisa University Press

pagine: 112

Farmtecture, neologismo ideato dall’architetto Danilo Capellini in collaborazione con il Prof. Paolo Berni, dalla fusione di “farm” e “architecture”, per definire una collaborazione tra agricoltura e architettura in base di un metodo nuovo di pensiero e offrire all’uomo risposte al bisogno di benessere e soddisfare le necessità alimentari.L’architettura ha creato un nuovo ordine di spazio, perché l’agricoltura ritornasse nell’ambiente urbano con una nuova “forma urbis”, ristabilendo l’ideale rapporto uomo/città, deteriorato attraverso l’urbanizzazione selvaggia. L’agricoltura contribuisce ripensando il complesso rapporto uomo/città/coltivazioni, con un modo di gestione innovativo, diverso dal classico fattoria/ambiente, con l’uso di fonti rinnovabili e riuso di reflui urbani come risorse.Farmtecture, come dimostrato dallo studio Cappellini archtects, è adattabile a specifici requisiti di Vertical Farm o Floatig Farm, dove Farmtecture occupa una zona d’acqua prossima a una città. I sistemi produttivi acquacolturali e agricoli, sono integrati, efficienti, compatibili con l’uso sostenibile delle risorse rinnovabili e con l’obiettivo del massimo reddito, ottimizzato attraverso il metodo della programmazione lineare in agricoltura. Inoltre, Farmtecture offre la possibilità di produrre a km “0”, beni e prodotti di qualità certificata e con tracciabilità totale.
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.