Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
0

Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Scorci di Storia della Scienza

Contributi al seminario congiunto dei dottorati (Bari, 26-28 giugno 2009)

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 360

Il volume è testimonianza di un incontro dei tre dottorati in Storia della Scienza (Bari, Bologna, Pisa), tenutosi a Bari nel
22,00

Nine pharaohs

di Edda Bresciani

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 132

...
10,50

Politica, commercio e agricoltura a Pisa nel Trecento

di Marco Tangheroni

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 232

La politica e l'economia sono le fondamenta del divenire di qualsiasi società
15,00

"Como acqua de mola"

Mulini ad acqua nel territorio di Calci in età medievale

di Tiziana Panduri

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 120

Il Medioevo è caratterizzato non tanto da un progresso generale nela meccanizzazzione, quanto dallo sviluppo di un piccolo gruppo di macchine delle quali il mulino è la più importante
15,49

Shoah e cultura della pace

Pagine di storia del Novecento all'Università di Pisa

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 120

Il Novecento è stato per l'umanità intera un secolo di grande crescita della scienza, dell'economia, della società
10,30

All'ombra del bardo

Presenze toscane nella Tunisia di Ahmed Bey

di Maurizio Vernassa

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 240

La storia della Toscana presenta ancora vaste zone d'ombra
18,00

La piazza e il palazzo

I mercati e il vicariato di Torino nel Settecento

di Nicoletta Rolla

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 264

Lo studio delle carte del Vicariato mostra la labilità del confine tra il pubblico e il privato: la vita della piazza e delle
18,00

Richer di Saint Remi

I quattro libri delle storie (888-998)

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 272

Richer, monaco a Saint-Remi di Reims e allievo di Gerbert d'Aurillac, negli ultimi anni del X secolo intraprese, con l'intento
16,00

Giacomo Matteotti. L'avvento del fascismo

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 427

Il volume L'avvento delfascismo, ancora una volta ottimamente curato da Stefano Caretti raccoglie gli scritti e i discorsi rel
40,00

Il caso Enriques

Tradizione nazionale e cultura scientifica

di Ornella Pompeo Faracovi

editore: Plus - Università di Pisa

pagine: 256

...
15,00

La disputa di Rosano (1203/04-1209)

Edizione e studio introduttivo dei documenti

di Veronica Bagnai Losacco

editore: Pisa University Press

pagine: 224

Scopo del volume è di rendere disponibile agli studiosi e al pubblico l'edizione critica integrale della documentazione proces

L'espressione letteraria e artistica

Progetti di Vita. Storie di studenti con disabilità

editore: Pisa University Press

pagine: 74

L’idea di questa collana nasce dall’osservazione delle esperienze di tanti studenti e di tante studentesse dell’Ateneo pisano che meritano di essere valorizzate e diffuse. Storie diverse, caratterizzate, pur nelle diverse forme di disabilità e quindi di difficoltà da affrontare, da un segno importante e positivo che abbiamo voluto sintetizzare nel titolo “Progetti di vita”.Ogni volume è tematico: questo, il terzo, è dedicato al singolare e significativo connubio fra esperienza di disabilità e realizzazione dei propri talenti e delle proprie aspirazioni attraverso l’espressione letteraria e artistica.Dopo il primo volume, dedicato alle esperienze di studenti e studentesse con disabilità nel confronto con il lungo periodo della pandemia, il secondo è stato incentrato sul rapporto università-mondo del lavoro, con testimonianze sull’esperienza formativa e le attività professionali intraprese dopo la laurea. Il terzo volume si occupa invece di “espressione letteraria e artistica”: quattro testimonianze che attestano passioni personali, a volte intrecciate con l’esperienza universitaria, nel campo della cultura e dell’espressione artistica. Così Giacomo De Nuccio racconta della sua passione per la poesia e Luca Razzauti della sua vocazione alla scrittura, già concretizzatasi in un libro; Tommaso Fanucci narra la sua esperienza in quella che potremmo chiamare “didattica dell’arte” da lui ideata in occasione di uno stage universitario in una mostra di arte contemporanea, esperienza analizzata poi nella sua tesi di laurea; Luca Casapieri si dedica da tempo a una forma di arte figurativa che intreccia fotografia e pittura digitale. Sono attività che si legano al raggiungimento di possibilità effettive, anche con l’aiuto di specifiche tecnologie, e che danno esiti di grande intensità espressiva.

L'ingresso nel mondo del lavoro

Progetti di Vita. Storie di studenti con disabilità

Autori vari

editore: Pisa University Press

La possibilità di accesso al mondo universitario da parte di persone con esigenze particolari, garantita anche dai Servizi preposti in ogni Ateneo italiano (Legge 17/99), fatica ancora a diffondersi nel senso comune, come pure nelle prospettive dei diretti interessati e delle loro famiglie. Va però sottolineato come la realtà universitaria pisana offra un contesto di riconosciuta eccellenza: nel tempo intercorso dall’istituzione dell’USID nel 2000 (Ufficio Servizi per l’Integrazione di studenti con Disabilità) si sono infatti susseguiti esempi virtuosi di giovani che hanno svolto i propri studi con soddisfazione, riuscendo ad affrontare le difficoltà e a esprimere i propri talenti. Le loro storie, e quelle che includono anche i “compagni di strada” di questo percorso, rappresentano dunque un punto di vista prezioso sulla ricchezza e varietà di esperienze di studio e di vita che il contesto universitario pisano e i Servizi dedicati a questi aspetti hanno accompagnato e reso possibile.    
Gratuito

Esperienze al tempo del covid 19

Autori vari

editore: Pisa University Press

UniPi non si ferma… davanti a niente. È questa la frase che accompagnava un video realizzato durante il lockdown di marzo per raccontare come il nostro Ateneo, nello sforzo di salvaguardare il diritto allo studio di tutti i suoi ragazzi, non abbia lasciato indietro veramente nessuno. Protagonista era un ragazzo non udente, Mattia, il quale, grazie al servizio di interpretariato LIS che la nostra Università è riuscita a garantire anche nei mesi più bui dell’epidemia, ha potuto proseguire nello studio. Scoprirete la sua storia, assieme a quelle di Clizia, Camilla, Simone, Sara e Fabio, in questo primo volume di una collana che arriva in un momento molto difficile per tutti noi e che, proprio attraverso di loro, vuole rendervi partecipi di bellissime lezioni di vita, di dignità, di determinazione oggi particolarmente utili per tutti noi. Nell’introdurvi a questa collana, però, vorrei fare un rapido quanto fondamentale viaggio nel tempo. Sì, d’altronde, se oggi esiste questa collana è anche perché il 16 maggio 1998 un gruppo di studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale Geometri di Sesto Fiorentino presentò alla Camera dei Deputati una proposta di Legge in occasione dell’iniziativa Ragazzi in aula, una manifestazione varata per la prima volta nel 1997 con lo scopo di avvicinare le nuove generazioni ai meccanismi della democrazia parlamentare. Quella proposta divenne poi la Legge n. 17 del 28 gennaio 1999, che in una sola paginetta integrava la famosa Legge n. 104 del 1992, la quale dettava i principi del nostro ordinamento in materia di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone disabili. Poche, ma significative integrazioni specificatamente dedicate all’Università e che, tra le altre cose, imponevano che tutti gli Atenei nominassero un proprio docente Delegato per la disabilità – carica che ho ricoperto dal 2000 al 2015 all’Università di Pisa –. Per la prima volta, inoltre, venivano messe a disposizione delle risorse per realizzare un’inclusione drammaticamente inesistente all’epoca. La Legge 17 ha costituito un vero e proprio spartiacque: prima gli interventi a favore degli studenti disabili avevano carattere sporadico, estemporaneo, quasi sempre stimolati da richieste specifiche, con qualche rara eccezione; dalla sua approvazione in poi, invece, gli Atenei sono tenuti ad adottare un approccio di tipo sistematico in materia di integrazione e supporto agli studenti con disabilità. Pensate che nel 2000, quindi pochi mesi dopo l’approvazione della Legge 17, gli studenti con un’invalidità superiore al 66% presenti nel sistema universitario nazionale erano appena 4.000. Già dieci anni dopo, nel 2010, erano 15.000. Oggi, solo a Pisa, sono più di 900. I Delegati disabilità di alcuni Atenei, tra i quali l’Università di Pisa, compresero subito l’importanza di fare rete per favorire scambi di esperienze e buone prassi: dopo i primi incontri informali, fortemente voluti e promossi dal prof. Edoardo Arslan, illustre audiologo dell’Università di Padova scomparso nel 2013, nel 2001 nacque così la CNUDD, la Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per la Disabilità, di cui il prof. Arslan è stato il primo Presidente e che io stesso ho avuto l’onore di presiedere tra il 2009 e il 2015. La CNUDD ha fin da subito stilato delle Linee Guida a beneficio di tutti gli Atenei ed è il costante riferimento del Ministero per tutto ciò che riguarda l’attuazione di quanto previsto dalla Legge 17. Per questo, è al ricordo di Edoardo Arslan che desidero dedicare questa collana: per tutti noi che ogni giorno ci occupiamo di integrazione degli studenti disabili nelle Università italiane Edoardo è stato un vero e proprio padre. È grazie a persone come lui se oggi le Università italiane possono dirsi realmente inclusive e persone come Mattia, Clizia, Camilla, Simone, Sara, Fabio e tutti gli altri che verranno nei prossimi volumi di questa collana, possono raccontare la loro storia di studenti universitari.  https://progettidivita.unipi.it/

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.