Il tuo browser non supporta JavaScript!
0

Attenzione, controllare i dati.

Medicina difensiva e diritto penale

Medicina difensiva e diritto penale
titolo Medicina difensiva e diritto penale
Autore
Argomenti Scienze giuridiche I libri di Archivio Penale-Nuova serie
Scienze giuridiche
Editore Pisa University Press
Formato Libro
Pagine 192
Pubblicazione 2014
ISBN 9788867413225
 

Abstract

Il volume affronta una delle tematiche più delicate in materia di...
18,00
 
Spedito in 1 giorno lavorativo

Disponibile anche nel formato

Il volume affronta una delle tematiche più delicate in materia di rapporti tra attività medica e diritto penale, secondo la particolare angolazione della c.d. medicina difensiva. Tale atteggiamento della classe medica evidentemente trova la sua origine in una giurisprudenza che, dopo un’iniziale larghezza di vedute, progressivamente è diventata sempre più severa nei confronti del trattamento medico-chirurgico sino addirittura a sconfinare dal tradizionale settore dei reati colposi fino alla preterintenzione e talvolta al c.d. dolo eventuale. Da qui indubbiamente lo svilupparsi di un atteggiamento difensivistico da parte della classe medica che, anziché rischiare un procedimento penale dagli incerti esiti e dalle conseguenze assai perniciose, ha preferito astenersi dall’intervenire. Va di contro rilevato come più di recente la giurisprudenza, segnatamente con la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite, ricorrente Giulini, ha cercato di costruire un più equilibrato rapporto tra istanze punitive e istanze garantistiche, ritenendo non integrante il fatto tipico del delitto di lesioni da parte del medico in particolare se l’esito dell’operazione è risultato favorevole anche se privo del consenso del paziente. Per evitare il perpetuarsi di questa situazione invero oscillante e per certi versi perniciosa per la classe medica, il c.d. governo tecnico a guida del Sen. Monti ha varato, attraverso l’allora Ministro della salute, il c.d. decreto Balduzzi, che ha reso penalmente rilevante l’operato del medico solo nell’ipotesi di colpa grave e a condizione che siano state osservate le linee guida e le buone pratiche cliniche. Questo decreto contiene tuttavia luci ed ombre di non poco momento tanto è vero che ha suscitato già un rinvio alla Corte costituzionale, poi respinto dalla stessa, ed un’oscillazione da parte della giurisprudenza della Suprema Corte, che a questo punto potrebbe meritare l’intervento delle Sezioni Unite penali.

 

Biografia dell'autore

Adelmo Manna

Adelmo Manna è attualmente Ordinario di diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Foggia. E’ autore, oltre che di numerosi saggi su argomenti di parte generale e speciale, nonché di diritto penale dell’economia, e di commenti giurisprudenziali apparsi su riviste specializzate, delle seguenti monografie:  “Profili penalistici del trattamento medico-chirurgico”, Milano, 1984; “Beni della personalità e limiti della protezione penale”, Padova, 1989; “Tutela penale della personalità”, Bologna, 1993; “L’imputabilità e i nuovi modelli di sanzione”, Torino, 1997; “La nuova legge sull’usura”, Torino, 1997; “Abuso d’ufficio e conflitto d’interessi nel sistema penale”, Torino, 2004. Ha inoltre partecipato a iniziative editoriali di carattere collettivo, tra le quali si segnalano, in particolare, fra le più recenti, i volumi dallo stesso curati, sui “Reati contro la persona”, Torino, 2007; “Materiali sulla riforma dei reati contro la Pubblica Amministrazione, Padova, 2007 e “Corso di diritto penale dell’impresa”, Padova, 2010. E’ anche autore del “Corso di diritto penale”, 2°, Padova, 2012, ed è altresì con-direttore assieme ai colleghi Cadoppi, Canestrari e Papa, del “Trattato di diritto penale”, Torino, edito dal 2008 in poi, che comprende sinora sia la parte speciale che la parte generale del codice penale. Quanto alle Riviste è con-direttore di “Archivio penale” e de “La Corte d’Assise”, nonché componente del comitato scientifico de “La giurisprudenza di merito”. E’, infine, componente del collegio dei revisori della rivista “La giurisprudenza italiana” e della “Rivista trimestrale di diritto penale dell’economia”.

 

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento